borragine vs malinconia ❣

pesto di borragine

Gli antichi romani e gli studiosi della Scuola Medica Salernitana consideravano la borragine un eccellente rimedio contro la malinconia.
Secondo la tradizione il nome della pianta deriva dal celtico barrach (uomo coraggioso): i guerrieri erano infatti soliti bere il vino di borragine, prima di una battaglia, in quanto credevano che desse loro immenso coraggio.  Gli antichi greci invece la usavano per curare i mal di testa da sbronza. La borragine favorisce l’allegria: non a caso era tradizionalmente usata per decorare le case in occasione di matrimoni. Il suo nome gallese (llawenlys) significa erba della contentezza.  Plinio la chiamava Euphrosinum poiché rende l’uomo euforico, felice e conento: “Ego Borago, Gaudia semper ago” (la borragine mi dá sempre gioia – forza di vita, corraggio -). Plinio sosteneva che i fiori consumati in insalata rendono propensi al riso e sgombrano la mente dai cattivi pensieri, inoltre le foglie e i fiori mescolati al vino tolgono la tristezza, la malinconia e danno la felicità. Sempre lui riteneva che la borragine fosse il famoso Nepente di Omero, assaporata nel vino portava all’oblio ed alla spensieratezza

Continua a leggere

Annunci

Volevo Volare ✈

Volevo volare dipinto su tela di Giuseppe De Matthaeis

Alla vigilia del Giudizio Universale, un uomo osserva le melanconiche metamorfosi sue e del mondo in cui vive.

Smarrito, cerca di riscattare i ripetitivi spargimenti di sangue con altrettanti spargimenti di colore ma né il rosso né il verde né il blu possono cancellare demoni e fantasmi  radicati dentro di lui.

Non gli resta che fuggire però trova chiusa la porta nella Casa delle Bambole. E sprangato il portone nella casa di ogni dio, da est ad ovest.

Non gli rimane che farsi crescere le ali, sulle scapole ossute, e desiderare di volare: al di sopra di tutto ciò che lo ha sempre lasciato, suo malgrado, indifferente. Ma il sole è ancora troppo vicino e lo costringe infine ad atterrare, sempre incompiuto ed incompleto come ogni sano viaggiatore.

Allora domanda a l’Arcano che non c’era chi vincerà la Partita a scacchi con la Morte. E, mentre formula la domanda (per ben 12 volte), già sa che la risposta non è importante: il Girotondo della Vita è inarrestabile. E forse l’Eternità è già sua: è il dono dell’emozione.

L’emozione che inconsapevolmente contagia la carne di chi scivola nelle sue orge di colore.

La foto: Volevo volare, dipinto su tela di Giuseppe De Matthaeis

La mostra Volevo volare: oggi, dalle 17:00 in poi presso l’Accademia di Romania, piazza José de San Martin n° 1, 00157 Roma (zona Valle Giulia)

Hummus o crema di ceci ✮

crema di ceci

Foto: mammeaifornelli

Stasera avevo un po’ di nostalgia, pensando alla mia bella Smirne, così mi sono consolata con questa ricetta…

L’hummus in Medio Oriente viene generalmente presentato nel meze (ossia come antipasto) ma si può gustare in qualunque altra occasione, a nostro piacimento! Magari anche usandola come ripieno di verdure cotte al forno…

Continua a leggere

Volevo Volare ✈

Volevo volare dipinto su tela di Giuseppe De Matthaeis

Alla vigilia del Giudizio Universale, un uomo osserva le melanconiche metamorfosi sue e del mondo in cui vive.

Continua a leggere

bavarese allo zenzero [variazioni sul tema]

matchaMentre cucinavo questi biscotti mi è venuto in mente che si potrebbero fare in mille altri modi, semplicemente sostituendo i due cucchiaini di zenzero con quello che preferiamo: cannella o vaniglia o cacao o cardamomo oppure aggiungendo all’impasto un tritato di pinoli, noci e nocciole (senza le spezie). Mi divertirò a sperimentare tutte le varianti!  😉

…Nell’ultima versione, a fine cottura si potrebbero inoltre arricchire con un velo di matcha (io scelgo questo) oppure mettere il tè nell’impasto al posto dello zenzero. I miei amici giapponesi mi hanno insegnato a cucinare diversi dolci con il loro delicato tè ed il risultato è sorprendente!

E’ sottinteso che se non avete in dispensa i prodotti che ho consigliato potete sostituirli con sale/zucchero/farina che utilizzate di solito. Buon divertimento!   😛

Foto © Hibiki-an