Torta al formaggio umbra pasquale ✝

torta umbra al formaggio pasquale

Fotografia: pizzafichiezighini

Premesso che non sono cattolica, della Pasqua adoro comunque la tradizione dell’uovo di cioccolata (e della sorpresa) e la torta al formaggio umbra.

Continua a leggere

sapone con la lisciva ❀

setacciare la cenere per la lisciva

Dopo il primo esperimento, che ho descritto qui, oggi riprovo a fare il sapone…

Ieri sera ho preparato la lisciva, utilizzando 1 chilo di cenere e 5 litri d’acqua.

Continua a leggere

lokum

lokum al pistacchio

Oggi, grande festa ne Il Tempio dei Topi… Sono arrivati i doni di Gamze da Izmir: lokum (delizia turca) al pistacchio, le caramelle di Mesir ed il tè al Mesir
Grazie, Gamze, ci hai fatto un regalo davvero speciale.   :*

Continua a leggere

borragine vs malinconia ❣

pesto di borragine

Gli antichi romani e gli studiosi della Scuola Medica Salernitana consideravano la borragine un eccellente rimedio contro la malinconia.
Secondo la tradizione il nome della pianta deriva dal celtico barrach (uomo coraggioso): i guerrieri erano infatti soliti bere il vino di borragine, prima di una battaglia, in quanto credevano che desse loro immenso coraggio.  Gli antichi greci invece la usavano per curare i mal di testa da sbronza. La borragine favorisce l’allegria: non a caso era tradizionalmente usata per decorare le case in occasione di matrimoni. Il suo nome gallese (llawenlys) significa erba della contentezza.  Plinio la chiamava Euphrosinum poiché rende l’uomo euforico, felice e conento: “Ego Borago, Gaudia semper ago” (la borragine mi dá sempre gioia – forza di vita, corraggio -). Plinio sosteneva che i fiori consumati in insalata rendono propensi al riso e sgombrano la mente dai cattivi pensieri, inoltre le foglie e i fiori mescolati al vino tolgono la tristezza, la malinconia e danno la felicità. Sempre lui riteneva che la borragine fosse il famoso Nepente di Omero, assaporata nel vino portava all’oblio ed alla spensieratezza

Continua a leggere