Alice [la pasta madre] ⌛

pasta madre

…Benvenuta, Alice!   😉

E’ il nome che ho scelto di dare alla mia prima pasta madre

Abbiamo visto come si prepara il lievito madre, oggi invece sperimentiamo la ricetta base per fare il nostro pane in casa (con la pasta madre).

IMG_7654

Supponiamo di avere già in frigorifero circa 200 gr. di pasta madre.

Se non avete modo di farla da voi potete chiederne un po’ in regalo qui.   😉

Se non ne avete 200 gr. non è un problema: l’importante è mantenere la proporzione con l’acqua e la farina, raddoppiando o dimezzando i grammi secondo le vostre esigenze.

La sera precedente alla panificazione facciamo il primo impasto (o rinfresco).

Ecco gli ingredienti: 200 gr. di pasta madre, 500 gr. di farina.

Se volete mantenere la pasta madre neutra (e non stressarla troppo durante il periodo di riposo) è meglio scegliere il tipo “0” (biologica). Io sto procedendo con la farina di farro (per esigenze personali). Nell’impasto finale per il nostro pane potremo comunque mescolarla con altre farine speciali.

300 gr. di acqua tiepida (35° circa, in pratica immergendoci il dito non la dobbiamo percepire né calda né fredda), 1 cucchiaino di miele biologico.

IMG_7655

Prendiamo una ciotola molto capiente e sciogliamo, all’interno, il miele nell’acqua, aggiungiamo quindi la pasta madre e lavoriamola lentamente aiutandoci con un cucchiaio. La dobbiamo ammorbidire e sciogliere nel liquido. Aggiungiamo la farina un po’ alla volta, setacciandola, e lavoriamo il composto molto lentamente (prima con il cucchiaio e poi con le mani) fino ad ottenere un impasto liscio ed elastico. Il risultato finale deve essere una palla di pasta liscia, non appiccicosa e senza screpolature: se necessario possiamo aggiungere ulteriore farina (rispetto alle dosi iniziali).

Mettiamo infine la palla di impasto in un contenitore e copriamolo con un panno umido quindi lasciamola riposare, in un ambiente protetto (ad esempio all’interno del forno spento), per tutta la notte (dalle 8 alle 12 ore).
La mattina seguente la nostra palla sarà almeno raddoppiata di volume. Preleviamo 200 gr. dall’impasto lievitato e conserviamoli nel frigorifero, in un contenitore chiuso ma non ermetico: questo sarà il nostro lievito per le prossime panificazioni.

Ora possiamo procedere con il secondo impasto…   🙂

Gli ingredienti: 350 gr. dell’impasto rinfrescato800 gr. della farina che preferiamo (io sto usando quella di farro), 300 gr. di acqua tiepida, 3 cucchiaini di sale, una ciotolina d’olio extra vergine di oliva (che useremo prima e durante la panificazione, massaggiandoci le mani per evitare che l’impasto si attacchi alle dita).
Aggiungiamo l’acqua tiepida all’impasto rinfrescato e lavoriamolo lentamente finché non si ammorbidisce. Aggiungiamo la farina, lentamente e setacciandola, impastando il tutto sempre con calma e con grazia.
Quando avremo aggiunto circa metà della farina mettiamo il sale (io ho scelto il Sale Rosso delle Hawaii) e liberiamo la fantasia con l’aggiunta di eventuali aromi… Ad esempio l’olio extravergine di oliva (3 cucchiai saranno sufficienti per questo impasto), semi misti (di girasole, sesamo, lino…) o noci o spezie (io userò l’erba cipollina essiccata che ho raccolto nell’orto de Il Tempio dei Topi).

IMG_7659
Lavoriamo a lungo il tutto fino ad ottenere nuovamente un impasto liscio ed elastico, poco appiccicoso. Quindi diamo al pane la forma che preferiamo (ad esempio quella classica, tonda con l’incisione a croce sulla sommità). Io tenterò di realizzare una treccia, speriamo bene!   😉

Possiamo quindi spennellare l’esterno del pane con acqua tiepida e ricoprirlo con i semi favoriti (userò quelli di sesamo e quelli di papavero): il liquido li farà attaccare all’impasto.

IMG_7658

Lasciamo lievitare per 3/4 ore al massimo (sempre in un ambiente riparato). Non facciamolo lievitare oltre questo tempo poiché, essendo fatto con il lievito madre, l’impasto inizierebbe ad inacidire e il gusto della pasta madre diventerebbe troppo marcato (sarebbe comunque commestibile ma potrebbe non piacere a tutti i nostri ospiti, a secondo dei gusti personali).

IMG_7657
Ricopriamo un ripiano del forno con l’apposita carta e cuociamoci sopra il pane per 40/50 minuti (a 250°C per i primi 10 minuti, in modo che si formi la crosta, e poi a 200°C) fino a completa cottura. Per ottenere una crosta più croccante, mettiamo sul fondo del forno una ciotolina di acqua che servirà ad aumentarne all’interno l’umidità e leviamola quando vediamo che la crosta si è colorata.

IMG_7660

Al termine della cottura avremo almeno 1,5 kg di pane sano e gustoso che, essendo realizzato con il lievito madre e non con quello chimico, si manterrà fresco per l’intera settimana.   🙂

Questo è il mio, dopo la cottura…

Questo slideshow richiede JavaScript.

Buon impasto e, se vi va, mandatemi le foto dei vostri esperimenti!   😉

Annunci

Raccontami di te...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...