gel per capelli fai-da-te ✄

semi di linoTra le molteplici virtù dei semi di lino c’è anche la possibilità di ricavarne un gel per capelli totalmente naturale, fissativo e nutriente. Ecco come fare… Prendiamo uno o più infusori per il tè richiudibili (a maglia molto fitta) e mettiamo all’interno di essi 30 gr di semi di lino. Inseriamo quindi il tutto in un pentolino dove avremo portato ad ebollizione 200 ml d’acqua. Lasciamo sobbollire per 5 minuti e poi facciamo riposare il liquido per almeno un’ora (fino alla formazione del gel). Estraiamo quindi gli infusori ed aggiungiamo al gel 2 cucchiai di succo di limone. Possiamo anche profumarlo con alcune gocce del nostro olio essenziale favorito! Infine riversiamo il gel così ottenuto in un barattolo di vetro oppure in un dispenser con dosatore (possiamo conservarlo in frigorifero massimo per una settimana).

Continua a leggere

Annunci

pollo profumato al cardamomo, zenzero e sesamo

Questo slideshow richiede JavaScript.

Stasera ho voglia di pollo arrosto però in versione orientaleggiante…   😉

Continua a leggere

NamasTèy LeVie DelTè ♨

Per gli amici di Roma (tea-addicted come me) domani, nell’incantevole NamasTèy, sarà possibile degustare le primizie appena giunte dalla Cina…   ✈

Bollitori accesi dalle 15:30 a chiusura (19:30).   ツ

Foto: NamasTèy

tè Rosa d’Oriente ♨

 

Said a S. Lorenzo

…Assaporato da Said, a S. Lorenzo: tè nero (a foglia spezzata) profumato da boccioli di rosa, cannella, cardamomo ed accompagnato da fettine di cedro, limone, arancio immerse nel cioccolato fondente.

♥ ❤ ❥

oleolito fai-da-te

Questo slideshow richiede JavaScript.

Un oleolito è un olio aromatizzato mediante macerazione di parti vegetali (fresche o secche).

Prima di fare il vostro oleolito a freddo (esiste anche un metodo a caldo) studiate le proprietà esterne della pianta più adatta alla stagione (del clima e della vita) ed alle esigenze della pelle. Qui potete farvi un’idea delle proprietà principali delle piante.  Il database viene aggiornato continuamente e l’autore dei testi è il fitoterapeuta Marco Valussi.
Alcune piante come la Melissa, l’Arnica e l’Iperico vanno trattate quando sono ancora fresche ovviamente così sono più cariche di olii essenziali e già pronte a donarli all’olio da voi scelto. Tenete però in considerazione che le piante appena colte contengono acqua che può dare problemi di conservazione nel processo della macerazione: essa finirà infatti per galleggiare sull’olio e diventerà una casa accogliente per i batteri. Una soluzione potrebbe essere quella di inserire nel barattolo un sacchetto di sale, in cotone bianco a maglie abbastanza larghe: il sale assorbirà l’acqua vegetale in eccesso e poi lo potremo togliere dal composto.

Ogni oleolito è prezioso e può essere usato come olio da massaggio, in applicazioni locali o come base per le nostre creme naturali ed unguenti fai-da-te.   😉

Continua a leggere