il Turbante di Aladino ☾ ☽

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ieri ho raccolto una bella zucca dall’orto dei topi…   🙂

Stasera quindi cucinerò per 4 usando proprio questo colorato Turbante d’Aladino: un primo ed un dolce.

Desidero valorizzare le tagliatelline all’uovo che mio fratello mi ha portato da Amatrice!

Tagliamo 200 g di speck (comprato in una sola fetta) a listelli. Cuociamo la nostra zucca (almeno 200 g) nel modo che preferiamo (in acqua bollente, al forno, al vapore o al microonde) finché non diventa abbastanza morbida da poterla schiacciare con la forchetta.

Non dimentichiamo di non gettare i semi attaccati alla polpa come ad un cordone ombelicale: lasciandoli seccare al sole potremo conservarli fino alla prossima primavera (e poi piantarli, in vaso o in giardino, per dare vita a nuove zucche).

Facciamo sciogliere lentamente, in una padella, 50 g di burro vegetale e 2 cucchiaini d’olio evo quindi mettiamoci ad appassire una piccola cipolla tagliata sottile sottile insieme ad una piccola radice di zenzero (a pezzetti);  aggiungiamo 10 foglie di salvia e lo speck già preparato. Rosoliamo lo speck finché non diventa bello croccante (almeno 5 minuti), bagnandolo con un po’ di vino bianco. Infine versiamo nella padella la zucca e terminiamo la cottura (con un pizzico di sale se necessario).
Nel frattempo mettiamo a bollire l’acqua per la pasta, immergiamo le tagliatelline ed una volta cotte (e scolate) versiamole nella padella con gli altri ingredienti, mescolando il tutto delicatamente.
Serviamo nei piatti e, se vi piace, aggiungiamo sopra sottili scaglie di parmigiano reggiano.

il regalo di BarbaraUserò invece questo utilissimo regalo di Natale della mia amica Barbara per realizzare morbidi muffin con la zucca rimasta. Prendiamo circa 200 g di zucca già cotta e schiacciata con la forchetta in precedenza; facciamo sciogliere 150 g di burro vegetale e poi aspettiamo che si raffreddi. Uniamo al burro 150 g di zucchero di canna e lavoriamo il tutto con una frusta da dolce, aggiungiamo 3 uova medie biologiche, 350 g di farina di kamut, una bustina di lievito per dolci e la crema di zucca. Continuiamo a mescolare tutti gli ingredienti ed infine uniamo 100 ml di latte, 4 cucchiaini di cannella in polvere, 4 cucchiaini di zenzero in polvere ed 1 cucchiaino scarso di noce moscata. Versiamo il composto nelle apposite formine da muffin, infiliamo nel cuore di ogni dolcetto una mandorla intera, e cuociamo in forno già caldo (a 180°) per 30 minuti.
…Che ne dite, i miei ospiti saranno soddisfatti?   😉

Incrociamo le dita.

Annunci

5 pensieri su “il Turbante di Aladino ☾ ☽

  1. Pingback: il raccolto | il Tempio dei Topi

Raccontami di te...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...